Archivi del mese: maggio 2016

NUOVA EDILIZIA, NUOVA CONTRATTAZIONE.

LOCANDINA_9-MAGGIO-Feneal-Filca-Fillea-Veneto

Le nuove frontiere dell’edilizia dopo la grande crisi che ha coinvolto il settore e la nuova qualità della contrattazione che ne consegue. Questo il tema del convegno organizzato da Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil:

Una nuova edilizia con una nuova contrattazione”

9 maggio- dalle ore 9.00

Cittadella dell’Edilizia in via Banchina dell’ Azoto- MARGHERA.

I lavori inizieranno alle ore 9 con una presentazione di Leonardo Zucchini, Segretario Generale della Fillea Cgil del Veneto, cui seguirà, dopo il saluto delle autorità, una relazione di Salvatore Federico, Segretario Generale della Filca Cisl del Veneto. Quindi sarà la volta di una tavola rotonda tra i tre Segretari Generali nazionali di Fillea, Filca, Feneal, Walter Schiavella, Franco Turri e Vito Panzarella, ed i tre Segretari Generali regionali di Cgil, Cisl, Uil, Elena Di Gregorio, Onofrio Rota e Gerardo Colamarco. Conclude i lavori Valerio Franceschini, Segretario Generale della Feneal Uil del Veneto.

Nel settore delle costruzioni, che chiude il 2015 praticamente a crescita zero con un fatturato pari a +0,2 rispetto all’anno precedente ed un dato occupazionale di -0,1 sui 12 mesi, si conferma la fine del modello di sviluppo quantitativo, basato sul moltiplicarsi delle nuove costruzioni e sul consumo progressivo di suolo, che la crisi ha messo definitivamente in discussione. “Oggi – sostengono i tre segretario regionali Zucchini, Federico e Franceschini – siamo in una fase del tutto nuova, fondata sulla qualificazione, il recupero e la ristrutturazione dell’esistente. Ciò impone un riposizionamento del settore che comporta nuove competenze e tecnologie ed un maggiore intreccio con altri comparti, non solo legati all’impiantistica ma anche a componenti industriali”.

“In tale contesto – secondo Fillea, Filca, Feneal del Veneto – sono determinanti la qualità e la professionalità della manodopera. La formazione diventa dunque un elemento centrale per aggiornare le figure tradizionali e soprattutto immettere nel mercato del lavoro nuove professionalità sempre più indispensabili in cantieri profondamente trasformati rispetto a quelli degli anni pre-crisi.

“La contrattazione – osserva il sindacato – deve cogliere appieno queste trasformazioni ed affiancare ai temi salariali e normativi quelli della sicurezza, della formazione permanente e della stessa bilateralità”.

Oltre al contratto nazionale, il cui rinnovo andrà fatto entro l’anno, una riflessione si è aperta circa la contrattazione decentrata sia nell’industria che nell’artigianato. “In particolare – spiegano Fillea, Filca, Feneal – tra Ance ed organizzazioni sindacali è avviato un ragionamento circa l’unificazione in un unico contratto regionale della contrattazione di secondo livello, oggi articolata in 7 contratti provinciali, e, di conseguenza della costituzione di un unico ente bilaterale a livello Veneto per le aziende edili industriali. Ciò allineerebbe l’industria all’artigianato, già organizzato su un’unica base regionale, consentendo una maggiore razionalizzazione del sistema ed una migliore